SM58: la storia

Lo Shure SM58, discendente del modello 565, è la soluzione audio progettata per lo studio di registrazione che ha risolto i problemi più difficili delle performance live

Ci sono alcune cose che gli irriducibili appassionati della storia Shure già conoscono a proposito del mitico SM58:

È stato pensato come microfono per studio.

I microfoni da studio negli anni cinquanta e sessanta catturavano l’audio in modo accurato, ma erano notoriamente fragili. Inoltre, le luci da studio creavano un fastidioso bagliore riflettendosi sul microfono. L’ingegnere Shure Ernie Seeler e il suo team crearono il microfono da voce ideale che risolveva sia il problema della durabilità del microfono sia i problemi di design.

Condivide il design della sua capsula con il modello SM57.

Lo Shure SM58 ha una forma sferica e una griglia a righe che riducono il rumore causato dal vento e dal respiro, caratteristiche che lo rendono una scelta migliore per la voce rispetto al modello SM57, nonostante la struttura interna dei due microfoni derivi dal medesimo design.

Il destino dello Shure SM58 come microfono da voce icona delle performance live, nonostante l’originale progettazione come microfono da studio, non è senza precedenti. Lo Shure SM58 è il diretto discendente del modello 565, il primo microfono a caratterizzarsi per la griglia sferica Unisphere® da allora design standard delle capsule per i microfoni per performance live. A Woodstock nel 1969 il 565 si è distinto per le sue qualità, venendo eletto nella comunità di fonici come la miglior scelta fra i microfoni da live.

Anche lo stile delle performance dei cantanti si stava evolvendo: prima dello sviluppo del microfono da mano, i cantanti erano soliti stare in piedi dietro ad un microfono montato su un’asta . La possibilità di tenere il 565 in mano offriva ai cantanti la libertà di muoversi sul palco, ma creava dei nuovi problemi ai fonici come feedback e rumori di maneggiamento.

Il diagramma polare cardioide del modello SM58, l’alta reiezione al feedback, e il rivoluzionario anti shock pneumatico integrato eliminarono efficacemente questi problemi, permettendo ai cantanti di dedicarsi completamente al loro pubblico senza preoccuparsi del microfono. In più la risposta in frequenza personalizzata e l’impugnatura ergonomica, hanno consentito a far percepire lo Shure SM58 come un’estensione della voce del cantane e non come uno strumento estraneo.

Questo non significa che nulla sia cambiato nella produzione degli Shure SM58. Importanti innovazioni nel processo costruttivo e nuovi materiali sono stati integrati in ogni SM58 prodotto dal 1966 ad oggi. Inoltre Shure sottopone questo microfono ad una spietata batteria di test, pensata per comprovarne la qualità richiesta dalle forniture di prodotti militari, di anno in anno senza alcuna pausa. Il materiale, i singoli componenti e il microfono nella sua completezza vengono testati senza sosta, in modo che non si possano mai rompere.

Per conoscere l’intera storia dello Shure SM58 guarda il nostro webinar di 60 minuti “SM58: la storia”.

Scopri di più sul microfono SM58


SM58 edizione 50° anniversario

Celebriamo il 50° anniversario di questo instancabile lavoratore da palco con un’edizione limitata caratterizzata da un’elegante impugnatura argentata. Per la prima volta in 50 anni Shure ha prodotto per il pubblico una variazione di colore per il classico SM58. Per il resto, lo Shure SM58 -50° è il medesimo microfono che già conoscete e di cui vi fidate: è il microfono dinamico cardioide standard di mercato disegnato e costruito per garantire una calda e chiara riproduzione della voce anche nelle condizioni più estreme.

Buy Now


#sm58 #borntoperform #ilovesm58